Magnifici palazzi, vicoli senza sole

Magnifici palazzi, vicoli senza sole

Genova e i genovesi nelle lettere di Jacques Boucher

L. Sansone, Magnifici palazzi, vicoli senza sole
Edizioni Erga, Genova 2016, ISBN 978-88-8163-949-6

magnifici-palazzi-vicoli-senza-soleNel 1797 Napoleone Bonaparte sconvolge l’Europa e la Serenissima Repubblica di Genova ne subisce l’avvento terminando di fatto la sua lunga e gloriosa storia.
Così, quando nel 1805 la Liguria entra a far parte dell’Impero napoleonico, dopo il breve e travagliato declino della Repubblica Democratica Ligure, a Genova arrivano nuove figure e personaggi per tutelare gli interessi francesi. Tra questi c’è un giovane diciassettenne mandato dal padre per fare esperienza al seguito del nuovo direttore delle dogane; un ragazzo che, in modo originale, scrive e commenta un breve periodo della sua vita in una terra non più straniera: a Genova, una città come poche ne esistono al mondo.

Lui è Jacques Boucher, doganiere di Napoleone imperatore. Lei è Genova, la Superba, affascinante e misteriosa coi suoi caroggi, i suoi palazzi, i suoi mille volti tutti da scoprire.

Boucher vi rimane dal 1805 al 1808. In questo arco di tempo percorre, in lungo e in largo, la Liguria: ne assapora la cucina, si immerge nella vita caotica dei vicoli e dei moli, osserva estasiato le feste, le processioni e gli spettacoli della tradizione popolare. In poche parole, si innamora di questa terra stupenda.

Scopre e descrive tanti personaggi: dame bellissime, aristocratici, gendarmi, banditi e lestofanti, che da ogni salotto, da ogni vicolo (o, meglio, da ogni pagina) fanno capolino con le loro storie eccezionali.


palazzo-san-giorgioPalazzo San Giorgio, immagine tratta dal volume


È un connubio speciale, Jacques Boucher e Genova: ci sono tutti gli ingredienti per uno di quei romanzi che ti lasciano col fiato sospeso; eppure non si tratta di un romanzo, bensì di semplici lettere, scritte da un semplice ragazzo. Queste lettere erano “imprigionate” dentro a un vecchio volume francese, letto e conosciuto da pochi. Era il lontano 1864 quando, a Parigi, furono dati alle stampe i tomi di memoires di Boucher, con numerose lettere in appendice; da allora, quel testo non è stato più ristampato e non ha mai conosciuto una traduzione in lingua italiana.

Il libro Magnifici palazzi, vicoli senza sole è un appassionato modo di raccontare quella storia straordinaria (un “pezzo” di quella storia, quella narrata dall’epistolario genovese), strappandola all’oblio. Una testimonianza senz’altro intensa e vivace, che oggi è “liberata” dalla sua prigione di polvere e di carta rosicchiata dal tempo, e torna a nuova vita, grazie all’intuito e all’impegno di chi, scrivendo, commenta e trasmette.

Per i lettori odierni, seguire questo ragazzo, passo passo, nelle sue scorribande per la città e per la regione, è un modo per guardare indietro e riscoprire una pagina del nostro passato. Significa, soprattutto, constatare che, nonostante il trascorrere del tempo, la meraviglia con cui oggi osserviamo la Liguria è rimasta immutata: è la stessa rapita ammirazione con cui un giovane, più di duecento anni fa, si aggirava tra borghi, monti e campagne.

Al di là della testimonianza storica di indubbio interesse che emerge, l’aspetto più affascinante è proprio questo sguardo retrospettivo del libro: un testo che ci racconta Genova, la sua gente, la sua bellezza, la sua storia. Insomma, la sua essenza.

Maurizio Daccà,
console di “A Compagna

 

Licenza Creative Commons
Magnifici palazzi, vicoli senza sole di Studi Napoleonici è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

I commenti sono chiusi.